Seleziona una pagina

Roma Capitale, dal 22 dicembre scorso, offre a tutti i cittadini del comune la possibilità di accedere ai servizi on-line attraverso SPID. La prima grande città ad aderire a SPID, con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre 2017.

Questa la risposta concreta alla delibera dell’11 novembre 2016 della Giunta Capitolina e alla ratifica della convenzione con AGID, l’agenzia per l’Italia Digitale, “Le oltre 700mila persone in Italia già in possesso di un’identità digitale Spid potranno accedere a oltre 60 servizi on line di Roma Capitale senza bisogno di ulteriori registrazioni”, spiega Flavia Marzano, assessora a Roma Semplice. Attraverso un nome utente e una password i cittadini potranno accedere ai numerosi servizi che la Pubblica Amministrazione sta progressivamente attivando sul sistema.

Il rapporto annuale 2016 di Forum PA mette in luce le innovazioni della Pubblica Amministrazione [infografica]

Per tutti coloro i quali possano riscontrare ancora qualche ragionevole dubbio sul funzionamento del nuovo sistema, oppure abbiano difficoltà ad ottenere L’Identità Digitale, l’Assessorato Roma Semplice ha inaugurato lo scorso 30 novembre i Punti Roma Semplice, punti di accesso assistiti in cui i cittadini sono supportati gratuitamente all’utilizzo dei servizi pubblici online da personale formato dall’Amministrazione Capitolina. L’impegno di questa Amministrazione e del mio assessorato è quello di mettere al centro il cittadino e le sue esigenze massimizzando le opportunità offerte dal digitale” dichiara Flavia Marzano.

L’iniziativa è inserita nel programma strategico descritto nel dettaglio all’interno dell’Agenda Digitale di Roma Capitale, che sarà presto oggetto di approvazione consiliare e che definisce le principali linee guida di intervento suddivise in quattro macro-aree: Open Government, Competenze digitali, Servizi digitali e processi, Connettività.